IL COLLIO  è zona di produzione di vini pregiati riconosciuta a livello mondiale, posta nella parte più orientale del Friuli, in provincia di Gorizia a ridosso con la Slovenia. E’ una zona collinare con ampie superfici esposte a mezzogiorno e quindi molto adatta alla viticultura di qualità. Il Collio si presta a splendide e rilassanti gite enogastronomiche per degustare i profumatissimi vini bianchi e la cucina della zona che è un mix di tradizioni austriache, friulane e slovene. Piatti Tipici: prosciutto cotto nel pane, minestra di orzo e fagioli, gnocchi di pane, frittate con le erbe, muset e brovade, gulasch, ekaiserfleisch (carne di maiale), radicchio “canarino” tra i dolci putizza, pinza, strudel, e palacinke(omelette con ripieno di marmellata o cioccolato). www.mtvfriulivg.it

I COLLI ORIENTALI  DEL FRIULI si estendono lungo la fascia collinare della provincia di Udine a ridosso con la Slovenia, è una zona estremamente vocata alla viticultura grazie ai suoi pendii creati dalla natura e dal lavoro dell’uomo, insieme alla costante ventilazione assicurata dal mare Adriatico che le sta di fronte e la protezione dai venti freddi del nord dovuta alle Alpi Giulie che le stanno alle spalle. Il cuore dei colli orientali è Cividale del Friuli, da qui possono partire diversi itinerari enogastronomici sia verso nord-ovest in direzione Faedis, Nimis, Tercento oppure verso sud-est verso Manzano, Corno di Rosazzo. Troverete numerose cantine dove degustare ed acquistare vini, fra cui le due DOCG Ramandolo e Picolit, e ottime trattorie dove degustare i prodotti tipici del luogo.Piatti tipici: frico, salame cotto nell’aceto, cjarsons, tra i dolci la famosa gubana e gli strucchi.www.mtvfriulivg.it

SAN DANIELE DEL FRIULI  , a 252 m.s.l.m., è posto al centro del Friuli nella zona pedemontana e domina la pianura sottostante con una visuale che arriva fino al mare. Fa parte delle Città Slow, cioè che si impegnano a migliorare la qualità di vita degli abitanti e dei visitatori. Il territorio gode di un microclima, dato dall’incontro delle fresche correnti delle Alpi con quelle calde e umide dell’Adriatico, che dona ai suoi famosi prosciutti un sapore unico e inconfondibile conosciuto in tutto il mondo. Da visitare nei dintorni l’oasi naturalistica dei “Quadri” a Fagagna, i laghetti di San Daniele in località Villanova, ed inoltre tantissimi circuiti enogastronomici nelle colline circostanti ricche di prosciutterie, trattorie ed agriturismi. Piatti tipici: il famoso prosciutto di San Daniele, risotto coi urtizzons, frico, trota affumicata. www.infosandaniele.com

L’ISONTINO  è la fascia di territorio che comprende gran parte della provincia di Gorizia attraversata dal fiume Isonzo, è delimitata a nord-ovest dalle colline del Collio, ad est dalle prime alture dell'Altipiano Carsico e si protende poi a sud fino al mare, con Grado e la sua laguna. E' una pianura che concentra paesaggi di grande bellezza di grandi vini e di una gastronomia dai gusti ineguagliabili, risultato dall'intreccio plurisecolare di popoli e culture. Piatti tipici: minestre di orzo e fagioli, strudel di spinaci, risotti con verdure di stagione; a Grado il famoso boreto à la graisana.www.mtvfriulivg.it

IL CARSO  (roccia, pietra) dal punto di vista geografico è diviso fra l’Italia e la Slovenia; il Carso triestino si estende fra il Monte San Michele (Monfalcone) e la Val Rosandra sopra Trieste. Il Carso è ricchissimo di grotte di varie dimensioni create dai numerosi corsi d’acqua sotterranei, la più importante è la Grotta Gigante a Sgonico. La Val Rosandra offre uno spettacolare paesaggio di rupi, ghiaioni, pareti a strapiombo sul torrente che la percorre. Anche il Carso ben si presta a rilassanti gite enogastronomiche per degustare il vino Terrano e i piatti tipici nelle numerose trattorie, agriturismi e nelle famose “Osmizze”. Piatti tipici: jota, gnocchi con susini (prugne), patate in tecia, bleki (pasta ripiena) e filetto alla carsolina (con vino Terrano), fra i dolci gibanica, putizza e presniz.www.carsokras.eu